C O M U N I C A  T O  S T A M P A

Assistenza del personale militare in quiescenza appartenente alla Forza Armata della Marina Militare ed al Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera

RICORSO PER L’OMESSA LIQUIDAZIONE DEI SEI SCATTI STIPENDIALI

Il SI.NA.G. nel perseguire le prioritarie competenze, assegnate dalle Norme sull’esercizio della libertà sindacale del personale delle Forze armate e delle Forze di polizia a ordinamento militare, pone particolare attenzione anche al personale militare prossimo al collegamento in congedo o già collocato in quiescenza.

Proprio in tale ottica ha aderito alla campagna per l’adesione al ricorso per l’omessa liquidazione, quale danno arrecato, da parte dell’INPS a causa della mancata inclusione dei sei scatti stipendiali di cui all’art.6-bis del D.L. n.387 del 1987 nel calcolo del Trattamento di Fine Servizio organizzata dallo Studio Legale LTROMA, convenzionato con il SI.NA.G.,

La campagna di ricorsi, si rivolge essenzialmente al personale delle Forze Armate e del Comparto delle Forze di Polizia, cessato a domanda, con 55 anni di età e 35 anni di contributi effettivi, il tutto in ragione del riconoscimento dei sei scatti stipendiali, in sede di liquidazione della indennità di buona uscita.

Le modalità di adesione/informazione può avvenire mediante piattaforma sulla pagina https://www.studiolegaleltroma.it/prodotto/omessa-liquidazione-dei-sei-scatti-stipendiali/ oppure all’indirizzo info@studiolegaleltroma.it o ancora chiamando il numero +39 328 162 6655

Si stima che la tutela de qua – ovviamente variabile caso per caso – in caso di esito positivo, potrà comportare una maggiorazione pari a circa euro 10.000,00 lordi, inerenti all’indennità di buona uscita.

Il SI.NA.G. proseguirà nella costante tutela ed assistenza del personale militare della Marina Militare, sia in servizio che in quiescenza.

Nulla Dies Sine Linea

Roma, 19 novembre 2022

La Segreteria Nazionale del SI.NA.G.