Al   Signor Capo di Stato Maggiore della Marina

                                                                        ” Ammiraglio Squadra I.S.”

                                                                              Enrico Credendino

                                                                                                                                 c/o Palazzo Marina

                                                                                                                                  00196 – ROMA –

                                                                                                                                 maristat@postacert.difesa.it

                                                                                                                                 e, p.c.

                                                                                                                                        COMANDO GENERALE DEL CORPO                                                                                                                                                                        DELLE CAPITANERIE DI PORTO                                                                                                                                                                              Viale dell’Arte 16                                                                                                                                                                                         00144 – ROMA –                                                                                                                                                                                            cgcp@pec.mit.gov.it

Segreteria Nazionale Prot. 02/2022 – 09.01.2022

Argomento​: Misure per il contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19 – Necessità di assistenza famigliare per il personale militare della Marina Militare per la proroga di chiusura delle scuole attività didattiche a distanza.-

P.E.C.

Il.mo Sig. Ammiraglio Capo di Stato Maggiore,

la presente Organizzazione Sindacale si pregia di parteciparle a nome di tutti quanti i nostri iscritti ma, stante la peculiarità della contingenza occorsa, di parlare sicuramente anche a nome delle migliaia di famiglie costituenti la nostra cara Forza Armata.

Come noto, la nefasta evoluzione pandemica di questi ultimi giorni, quando si è oramai giunti alle porte della ripresa in presenza dell’attività didattica, ha subito una repentina involuzione del quadro sanitario generale e così in poche ore, si sono succedute a macchia di leopardo sull’intero territorio nazionale l’assunzione di decisioni restrittive circa il rientro in presenza a scuola, dei centinaia di migliaia di studenti, molti dei quali appartenenti a famiglie con almeno un  genitore con le stellette.

Si aggiunga che la gestione del rientro in presenza delle scuole secondarie di primo e secondo grado appare ancor più disomogenea, considerato che talune Giunte Regionali hanno deliberato rinvii della ripresa delle attività didattiche in presenza con le tempistiche disallineate tra le diverse regioni, nonché addirittura tra i diversi comuni

Ancora una volta, questa organizzazione militare a carattere sindacale, si trova con profondo rammarico a dover rivendicare una linearità di trattamento per quel che concerne i diritti delle famiglie che, dovrebbero a prescindere, essere i medesimi per tutte quante esse, poiché, aldilà dei ruoli e delle professioni, costituite da cittadini del medesimo stato.

Con apposite circolari esplicative, i vari dicasteri hanno previsto a vario titolo forme di tutela a sostegno di quelle famiglie di dipendenti, in cui l’obbligo della didattica a distanza li costringe a non potersi materialmente allontanare dalle abitazioni poiché obbligati alla sorveglianza domiciliare dei minori.

Accade in queste ore invece che, la poca chiarezza che assurge dal susseguirsi delle tante disposizioni riguardanti il mondo militare, conducono ai vari comandi ad interpretare ed intraprendere nel merito le più disparate decisioni in materia, i cui esiti ricadono ineluttabilmente sulle famiglie dei nostri colleghi, producendo di fatti una disparità di trattamento rispetto al personale appartenente al Pubblico Impiego.

Fiduciosi in un Suo autorevole intervento, tale che possa giungere immantinente un quadro dispositivo quanto più intelligibile ed in linea con l’alveo di tutela familiare universalmente e costituzionalmente garantito, rinnoviamo con forza il nostro sentimento di appartenenza e amor di patria.

Rimanendo in attesa di un riscontro Le porgiamo distinti saluti.

Roma, lì 09 Gennaio 2022

                                                                                                               Il Segretario Generale Nazionale

                                                                                                                           dr. Pasquale DE VITA